Lo spadaccino misterioso

D iscreto film di amore e avventure sullo sfondo di un Italia dei Ducati e delle Signorie sempre in lotta tra loro, con interpreti poco noti fatta eccezione per la avvenente Tamara Lees (la bellissima Antinea di Totò Sceicco) e scene di duelli appena sufficienti ma con un soggetto, allora molto popolare, che ancora oggi potrebbe affascinare se il cinema attuale italiano volesse prenderlo seriamente in considerazione. Un periodo storico affascinante, location adatte e facilmente reperibili in ogni angolo del paese, con un buon soggetto, sia esso di fantasia o preso da fatti storici reali e con l'aggiunta delle moderne tecniche di ripresa e montaggio potrebbe senz'altro venirne fuori un prodotto di qualità esportabile in tutto il mondo e di gran lunga meglio dei vari Fantasy americani che imperano sul mercato. Ma evidentemente al nostro cinema piace languire e chiedere l'elemosina allo stato per film che non arrivano nemmeno nelle sale, fatte ovviamente le dovute eccezioni. Ma veniamo a questo semplice esempio visto in TV e facente parte di una serie dal titolo "I mitici anni 60" in onda in questo periodo sul canale IRIS. Il perfido Duca Ubaldo di Roccamontana sta tramando per accordarsi con gli Spagnoli contro Alfonso d'Este allo scopo di acquisire parte dei territori estensi ed accrescere il suo potere. Molte Signorie sono con lui bramose di potere e ricchezze mentre il solo Maurizio, conte di Arcidosso è contrario e fedele alla casa d'Este e con lui il giovane nobile Riccardo Degli Argentari che non è disposto ad aprire la sua casa agli stranieri e per giunta invasori. Immediata la reazione del Duca Ubaldo che fa assalire Riccardo dai suoi sgherri e assassinare il conte Maurizio facendo credere alla sua giovane figlia Laura che solo sposandolo potrà vivere tranquilla e fuori da situazioni di pericolo come quella drammatica che è costata la morte a suo padre. Ma Riccardo è vivo e inizia una guerriglia radunando tutti quelli stanchi delle continue vessazioni e imposizioni di tasse sempre più esose. Con una maschera sul volto che ne impedisce il riconoscimento, semina il terrore tra le fila del Duca e fa breccia nel cuore della giovane Laura. Costei viene rinchiusa nel castello quando il Duca scopre che è segretamente innamorata del cavaliere misterioso ed è per questo motivo che rimanda sempre la decisione di sposarlo e inoltre ormai sa che è il Duca il mandante dell'assassinio di suo padre. Ubaldo la fa torturare nelle segrete del castello per scoprire il nome del suo misterioso rivale che naturalmente accorre al castello per salvare la sua bella ma anche per cadere nel tranello ed essere a sua volta catturato. Ma Riccardo ha giocato bene le sue carte e inviato un messo al Duca Alfonso con le prove del tradimento di Ubaldo, così quando irrompe nel castello è spalleggiato anche dall'esercito estense e per Ubaldo non resta che una precipitosa fuga facendosi scudo della giovane Laura. Riccardo lo insegue e raggiunge e nel drammatico duello finale lo uccide per poi riabbracciare finalmente la sua futura sposa.

Lo spadaccino misterioso
Italia 1956
Regia: Sergio Grieco
con
Frank Latimore: Riccardo Degli Argentari
Fiorella Mari: Laura
Gerard Landry: Duca Ubaldo di Roccamontana
Tamara Lees: Donna Violante
e
Tamara Lees è Antinea in Totò Sceicco
Andrea Aureli       
Giulio Battiferri       
Antonio Corevi       
Remo De Angelis       
Lidia Del Faro       
Enrico Glori       
Gianni Luda       
Nino Milano   

Commenti

Top Five della settimana

400 giorni - Simulazione spazio

La spada normanna

James Bond 007 - Casino Royale

Ferragosto in bikini

I bucanieri